Riduci distrazioni Vai al contenuto
Viaggi invisibili: come le correnti oceaniche modellano il pianeta
Viaggi invisibili: come le correnti oceaniche modellano il pianeta

Scienza e AmbienteViaggio

Viaggi invisibili: come le correnti oceaniche modellano il pianeta

Oceano Atlantico, Transatlantica - Tappa 6

Tipologie di correnti oceaniche

Nell’Oceano Atlantico, le correnti svolgono un ruolo cruciale nel trasporto di calore, nutrienti e salinità, nonché modellando il clima delle regioni circostanti e supportando una vasta gamma di vita marina.

Le correnti

Tra quelle cosiddette superficiali, la più conosciuta è la calda Corrente del Golfo, che origina nel Golfo del Messico, fluisce attraverso lo Stretto della Florida e si muove lungo la costa orientale degli Stati Uniti, fino a deviare verso l’Europa settentrionale. Questa corrente trasporta enormi quantità di calore dall’Equatore verso latitudini più elevate, moderando il clima in Europa: quando attraversa l’Atlantico settentrionale, si trasforma nella Corrente Nord Atlantica, che mitiga il clima delle isole britanniche e dell’Europa occidentale. L’acqua più calda che si mescola con l’aria fredda dell’Artico contribuisce a creare condizioni meteorologiche instabili e tempeste frequenti.

Dall’Africa all’Atlantico settentrionale

Allo stesso modo, la fredda Corrente delle Canarie fluisce verso sud lungo la costa nord-occidentale dell’Africa, trasportando acqua più fredda dalle latitudini temperate verso le regioni tropicali, temperando il clima delle isole Canarie e delle coste africane adiacenti e creando condizioni favorevoli alla pesca.
Nelle regioni equatoriali dell’Atlantico, la Corrente Equatoriale del Nord e la Corrente Equatoriale del Sud fluiscono da est a ovest, spinte dai venti alisei. Queste correnti trasportano acqua calda dall’Africa occidentale verso le coste del Sud America e del Golfo del Messico, giocando un ruolo cruciale nella distribuzione del calore equatoriale e influenzando i modelli climatici globali.
Nell’Atlantico settentrionale, la Corrente del Labrador trasporta acqua fredda dall’Artico lungo la costa orientale del Canada e degli Stati Uniti nord-orientali, mantenendo basse le temperature dell’acqua e impattando sugli ecosistemi marini e sul clima delle regioni costiere.

La circolazione termoalina: il nastro trasportatore globale

Oltre alle correnti superficiali, l’Atlantico è influenzato dal sistema di circolazione termoalina, spesso descritto come il “nastro trasportatore globale“, ossia un sistema guidato dalle differenze di temperatura e salinità dell’acqua oceanica, che influenzano la densità dell’acqua stessa. Nelle regioni polari, l’acqua fredda e salina affonda, creando correnti profonde che si muovono verso l’Equatore. Questo movimento di acqua fredda e densa è bilanciato dal flusso di acqua calda e meno densa verso i poli. La circolazione termoalina è fondamentale per la regolazione del clima globale, poiché redistribuisce il calore tra le diverse latitudini e contribuisce a trasportare nutrienti e ossigeno verso le profondità oceaniche, sostenendo la vita marina in aree altrimenti prive di nutrienti.

Il cambiamento climatico rappresenta una sfida significativa per le correnti oceaniche: l’aumento delle temperature globali e la fusione dei ghiacci polari, infatti,  potrebbero alterare la circolazione termoalina, con potenziali impatti drastici sul clima globale, influenzando inoltre la distribuzione delle risorse marine, la pesca e la sicurezza alimentare.