Riduci distrazioni Vai al contenuto
I reef corallini di Antigua
I reef corallini di Antigua

Biodiversità

I reef corallini di Antigua

Mare dei Caraibi, Antigua - Tappa 7

Una storia lunga centinaia di migliaia di anni

Una barriera corallina è un complesso ecosistema marino costituito principalmente da colonie di coralli, organismi marini che appartengono alla classe degli antozoi, che si aggregano per formare strutture tridimensionali ospitanti una vasta gamma di specie marine, fungendo da rifugio, fonte di cibo e luogo di riproduzione per molte di esse.

Le barriere coralline sono principalmente composte da coralli duri, o coralli ermatipici, che producono scheletri di carbonato di calcio e costruiscono strutture robuste e complesse nel corso di centinaia o migliaia di anni. Oltre ai coralli, le barriere coralline comprendono una varietà di organismi, tra cui alghe calcaree, spugne, molluschi, crostacei, pesci e molti altri; le alghe calcaree, in particolare, contribuiscono alla formazione della barriera cementando i frammenti di corallo con il loro deposito di carbonato di calcio.

 

Come si forma una barriera corallina

La formazione di una barriera corallina è un processo lento nonché risultato di milioni di anni, che richiede condizioni ambientali specifiche: i coralli vivono in acque calde e poco profonde, dove la luce solare può penetrare facilmente, favorendo la fotosintesi delle zooxantelle, alghe simbiotiche che vivono all’interno dei tessuti dei coralli. Tali alghe forniscono ai coralli nutrimento attraverso la fotosintesi e, in cambio, ricevono protezione e accesso alla luce.

I coralli iniziano la loro vita come larve planctoniche, che si depositano su un substrato solido e iniziano a crescere e a riprodursi. Col tempo, le colonie di coralli si espandono e si uniscono, formando strutture sempre più grandi e complesse. La morte e il conseguente deposito degli scheletri di corallo contribuiscono alla costruzione della barriera, creando una base solida su cui nuove generazioni di coralli possono prosperare.

 

Un ecosistema complesso di vitale importanza per tutti

I reef corallini sono spesso paragonati alle foreste pluviali tropicali per la loro incredibile biodiversità: ospitano infatti circa il 25% di tutte le specie marine, nonostante coprano meno dell’1% della superficie oceanica. Questo ecosistema complesso offre habitat e risorse vitali per una vasta gamma di organismi, dai piccoli invertebrati ai grandi pesci predatori, oltre a fornire numerosi servizi ecosistemici essenziali come la protezione costiera, poiché agiscono come barriere naturali che riducono l’erosione costiera e proteggono le coste da tempeste e onde. Sono inoltre cruciali per le economie locali attraverso la pesca e il turismo, fornendo mezzi di sussistenza a milioni di persone. La diversità biologica delle barriere coralline regala innumerevoli opportunità per la ricerca scientifica e la scoperta di nuove specie e composti chimici utili per la medicina, oltre a contribuire al ciclo dei nutrienti marini, mantenendo l’equilibrio ecologico degli oceani.

In particolare, i reef corallini di Antigua non solo forniscono un ambiente vitale per molte specie marine, dando rifugio e nutrimento a pesci, molluschi, crostacei e tantissimi altri organismi, ma svolgono anche un ruolo decisivo nella protezione delle coste dall’erosione. I reef, infatti, assumono il ruolo di barriere naturali poiché aiutano ad attenuare la forza delle onde, ridurre l’erosione costiera e proteggere le spiagge e le infrastrutture umane. La loro presenza è fondamentale per la stabilità delle linee costiere, soprattutto in un’epoca di cambiamenti climatici e innalzamento del livello del mare.